Presentazione

Data

dal 18 Febbraio 4400 al 18 Febbraio 7200

Descrizione del progetto

L’accoglienza segna l’inizio di un percorso scolastico, che vede coinvolti i bambini le loro famiglie e l’istituzione scolastica. Molte bambine e molti bambini vivono la prima separazione dalla famiglia con l’arrivo alla scuola dell’infanzia. Altri, che già hanno frequentato l’asilo nido, devono invece affrontare un ulteriore ambientamento nel nuovo contesto educativo, anche i genitori vivono questo momento con preoccupazione e attesa. Il progetto accoglienza, da molti anni adottato nel plesso, aiuta a vivere serenamente questo momento di crescita “senza” ansie, ma con fiducia. La scuola è il luogo dove il bambino prende coscienza delle sue abilità e dove stabilisce molteplici relazioni sociali con adulti e coetanei. Accogliere significa saper soddisfare i bisogni dei bambini, significa saper ascoltare, dialogare, avere cura; le insegnanti quindi organizzano le giornate in modo tale da permettere, nel rispetto dei tempi e delle reazioni dei bambini, un inserimento il più possibile rassicurante. Il progetto accoglienza permette di inserire tutti i bambini nuovi iscritti fin dal primo giorno di scuola: l’inserimento è organizzato in piccoli gruppi per un’ora i primi due giorni insieme ad un genitore, in seguito due ore senza genitori, poi tutta la mattina senza mensa dopo con la mensa ed infine orario completo con il dormitorio, ciò permette di garantire una permanenza continuativa, ma graduale a scuola, per favorire un sereno distacco e un migliore adattamento alla vita scolastica. Quando accogliamo un bambino, accogliamo la sua famiglia: tutti devono vivere questa nuova esperienza con fiducia, percependo un clima positivo, superando timori e creando quella buona e sana collaborazione tra la famiglia e le insegnanti. In questo delicato momento i bambini vengono accolti dalle due insegnanti di sezione che fino ai primi di ottobre prestano servizio in compresenza. Fondamentale è la continuità nei rapporti scuola- famiglia, compensare le conoscenze mancanti e fare perno su quelle presenti. Ogni alunno si sentirà incluso quando avrà imparato ad avere scambi relazionali sia con l’adulto che con i compagni, quando si muoverà negli ambienti scolatici con destrezza. E’ per questo fondamentale sviluppare il dialogo perché l’ascolto è il primo approccio con il quale ciascun bambino inizia a sentirsi riconosciuto e ad affermare la sua identità.

Obiettivi
  • Vivere serenamente il distacco dai genitori e accettare il nuovo ambiente
  • esplorare l’ambiente
  • stabilire una relazione di fiducia con le figure della scuola
  • conoscere il nome dei compagni e delle insegnanti
  • imparare a condividere semplici norme di comportamento
  • manipolare materiali diversi

 

Luogo
Responsabile
Partecipanti

Sezioni dei tre anni